La pesca agli sgombri

 

Tra le tecniche pi¨ divertenti e redditizie vi Ŕ la pesca allo sgombro. I veri specialisti di tale pesca sono gli sportivi della costa Adriatica. Lý, infatti, esistono veri e propri Charter da pesca che mettono a disposizione grossi "barconi" e una volta giunti nella zona di pesca, brumeggiano abbondantemente, per attirare sotto l'imbarcazione gli sgombri. A volte ci si posiziona vicino le piattaforme, anche se avvicinarsi Ŕ vietato. Intorno alle piattaforme metanifere, infatti, prospera una vera e propria oasi di pesce, con tutte le varietÓ possibili, a partire dai piccoli sciarrani per finire a ricciole e tonni giganti.
Una piattaforma vista all'alba
Solo all'inizio della primavera i grossi branchi di sgombri si avvicinano alla riva (ma parliamo di tirreno e Jonio). Qui si possono pescare sia  con piccole imbarcazioni sia  dalla riva, sia a traina che a spinning o a bolentino. E' un pesce ottimo da mangiare e la sua cattura Ŕ ricercata anche per utilizzarlo quale esca viva, soprattutto per il drifting a tonni, ma anche per la traina con il vivo a ricciola o dentici.
lo sgombro con la splendida livrea
E' un pesce combattivo e la sua potenza viene esaltata se combattuto con attrezzature leggere, nell'ordine delle 2/6 libbre. Il segreto per effettuare catture multiple, una volta trovato il branco, Ŕ quello di pasturare abbondantemente, al fine di farlo andare in frenesia alimentare. In questa situazione comincerÓ a mangiare tutto quello che gli viene a tiro, compresi i nostri artificiali che saranno composti da piumette o lenze giapponesi. Anche con piccoli artificiali (minnow e ondulanti) Ŕ possibile insidiarli imprimendo alla canna un movimento sinuoso e costante, praticamente a spinning.
Per la ricerca del branco Ŕ importante avere a disposizione un buon ecoscandaglio al fine di stabilire un primo contatto. Poi, anche per mezzo di pasturatori si pu˛ trattenerlo sotto la barca ed iniziare le fasi di pesca.
un classico pasturatore a lame
L'esca che principalmente viene usata Ŕ la sardina, ma i cefalopodi, i vermi e soprattutto il pesce azzurro sono ottimi, compresa l'aguglia. La parte inferiore, quella argentea Ŕ la parte che pi¨ si presta all'innesco ed inoltre per via del suo colore Ŕ molto attirante.
una aguglia
IL peso medio dello sgombro, nel mediterraneo, in questi ultimi anni Ŕ andato via via diminuendo, per passare dai 360 grammi di qualche anno agli attuali 160 grammi. Naturalmente nel periodo che va da settembre a dicembre si trovano gli esemplari pi¨ grandi. La sua pesca, quindi, diventa interessante ed appassionante soprattutto con cannette leggere, tipo da spinning o da legering. Addirittura viene anche pescato con la bolognese. Il filo dovrÓ essere molto sottile ed in questo modo le allamate saranno superiori e la nostra sportivitÓ troverÓ il massimo della competizione e quindi soddisfazione.
Il terminale sarÓ composto da tre o pi¨ ami. Si potranno usare esche vive (sardina aggiuga) o anche artificiali, tipo piumette, come nella foto in basso.
uno schema di finale per lo sgombro
Nella foto di cui sopra vediamo la lenza madre che sarÓ dello 0,40 ed i braccioli di circa 20 cm, dello 0,20. Collegati ai braccioli piumette o artificiali simili, composti magari di materiale luminoscente, con ametti dal N░08 al N░12 a seconda della taglia dei pesci. Il nodo che maggiormente si utilizza per formare un'asola Ŕ il Dropper loop, ma per quanto riguarda le legature, nella sezione NODI del sito troverete anche altre valide alternative. Oggi con l'avvento di microperline a 4 fori (Stonfo) o altre microsfere (Olympus, Tubertini ecc.) le legature classiche stanno scomparendo. Rimangono in vigore solo per gli appassionati del filaccione e per i marinai. Sicuramente le nuove tecniche ed i nuovi finali sono, comunque, maggiormente catturanti almeno per il 30% in pi¨.

Clicca sulla foto per ingrandire

La carne dello sgombro Ŕ delicatissima per cui se ci troviamo in pesca e la stagione Ŕ calda, occorre conservare subito il pesce al fresco, altrimenti andrÓ tempestivamente deteriorandosi.
Massimo Rotondaro
Soverato, li 16 gennaio 2002
 

 

Iscriviti alla nostra Mailing List
Se vuoi essere informato quando il sito sarÓ aggiornato segnalaci la tua e-mail

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Vota questo sito nella Top100Italia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

sgombro, sgombri, terminale da sgombri, nodo dropper loop, sardina, tunnidi, tonni, pesca, pesca in mare, pesca in adriatico

Cerca nella rete con
ShinySeek

Torna alla Home Page del sito


Pescainmare.com

pesca in mare, pesca, pescare, bolentino, drifting, big game, pescaremare,  traina, rockfishing, surfcasting, beachlegering, ricciola, dentice, tonno, palamita, marlin, il pescatore, fishing, on the sea, fish, marlin, dorado, anglerworld, angler, fisherman, reel, tuna, yellofin, boat, yacht, catch and release, pescaremare, pescare mare, sport, sportfishing, trabucco, colmic, italcanna, normic, bayliner, milo, mitchell, asso, fluorocarbonpesca in mare, pesca, pescare, bolentino, drifting, big game, pescaremare,  traina, rockfishing, surfcasting, beachlegering, ricciola, dentice, tonno, palamita, marlin, il pescatore, fishing, on the sea, fish, marlin, dorado, anglerworld, angler, fisherman, reel, tuna, yellofin, boat, yacht, catch and release, pescaremare, pescare mare, sport, sportfishing, trabucco, colmic, italcanna, normic, bayliner, milo, mitchell, asso, fluorocarbon